ISC BETTI FERMO » Galleria Didattica

Galleria Didattica

Print Friendly, PDF & Email

betti gallery

 

ANNO SCOLASTICO 2017/2018

Nave della legalità edizione a.s. 2017/18

Vedi la galleria fotografica


  

15 marzo 2018

Leggi l’articolo “Piccoli costruttori di pace crescono a Fermo” (in inglese) sul sito della Peace Run 

Vedi la galleria fotografica


Comunicato stampa progetto Scuola Al Polo – 25 novembre 2017

ANNO SCOLASTICO 2016/2017                                      segue

locandina conferenza 24 marzo- agg. (1)GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: LUOGHI FISICI, DI ESPERIENZA DIDATTICA E COESIONE SOCIALE  – 24 marzo 2017

La scuola come “spazio d’azione”, luogo privilegiato in cui si verificano interazioni e scambi tra allievi, oggetti del sapere e insegnanti, dove gli allievi hanno modo di fare esperienze significative sul piano cognitivo, affettivo e sociale. E’ questo il significato dell’ espressione “ambiente di apprendimento”, oggi molto usata nel lessico delle scienze dell’educazione; ambiente, perciò, non solo come spazio fisico, ma soprattutto mentale e culturale, creato intenzionalmente per stimolare e sostenere la costruzione di conoscenze, abilità, motivazioni, atteggiamenti.
Per riflettere sulla relazione tra spazi, didattica, arredi e tecnologie, la rete di scuole “Costruire gli ambienti di apprendimento”, costituita dagli istituti comprensivi “Ugo Betti” di Fermo (scuola capofila), “Nardi” di Porto San Giorgio e I.C di Falerone, organizza un convegno dal titolo “Ri-costruire gli ambienti di apprendimento come luoghi fisici, di esperienza didattica e coesione sociale” che si terrà venerdì 24 marzo, alle 16.30, presso il Fermo Forum di Fermo.
Interverranno all’incontro la dott.ssa Carla Sagretti, dirigente dell’Ufficio IV dell’Ambito Territoriale di Ascoli Piceno e Fermo su “La bellezza dello spazio che educa”, il prof. Leonardo Tosi, primo tecnologo INDIRE, referente dell’indirizzo Architetture scolastiche e chair dell’ICWG di European Schoolnet, con una riflessione su “Nuovi spazi educativi: tra pedagogia e didattica”; il dott. Samuele Borri, dirigente dell’Area Tecnologica e responsabile dei Sistemi Informativi dell’INDIRE, sul tema “Architetture scolastiche: linee ed indirizzi”; la dott.ssa Eleonora Cutrini, docente di Economia Applicata presso l’Università degli Studi di Macerata, su “Scuole, istituzioni e territorio: alcune riflessioni sulla ricostruzione”; il dott. Massimo Crotti, docente del Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino su “Il progetto del nuovo edificio scolastico “Don Bosco” di Falerone.
L’evento è un momento di confronto, di approfondimento culturale e di formazione per tutta la cittadinanza, in particolare per quanti sono impegnati nel campo dell’educazione.

Foto dell’evento

  IMG_2855 IMG_2856 IMG_2857 IMG_2858 FullSizeRender  

 Servizio TGR – Convegno “Ri-costruire gli ambienti di apprendimento”

 

crow  Progetto Crowdfunding “Siamo agguerriti ed appassionati e speriamo che i nostri sforzi vengano ricompensati..” Motivati da queste parole, i centoquattordici ragazzi delle 5 sezioni della Scuola Media Statale “Ugo Betti”, hanno ideato, organizzato e realizzato il “Progetto Crowdfunding”.

L’obiettivo quello di raccogliere fondi per l’acquisto degli armadietti da posizionare nel corridoio della scuola per migliorare l’organizzazione scolastica. Durante la settimana il peso dello zaino diventa a volte insostenibile pertanto un posto adatto dove poter riporre tutto il materiale, dalla cartella di arte e tecnologia allo strumento musicale, risulterebbe essere la soluzione migliore  sia in termini di spazio che di salute. Il progetto ha avuto un lungo corso, è stato necessario organizzare il lavoro in diverse fasi, dove ogni alunno ha dato il proprio contribuito.

Durante la prima fase si è attivata una vera e propria “macchina” organizzativa che ha coinvolto un primo gruppo di ragazzi nella ricerca sul web di esempi virtuosi di piattaforme e progetti realizzati da altre scuole di ogni ordine e grado in Italia; hanno consultato siti dedicati attraverso anche dei sondaggi. Da qui la struttura della piattaforma ha preso forma, attraverso l’iscrizione ufficiale e impostando già i parametri per la raccolta fondi. L’obiettivo è raggiungere la somma di 5000 euro entro 60 giorni dall’ attivazione in rete. Per poter arrivare ad un pubblico internazionale, la piattaforma è stata tradotta in 3 lingue, italiano, inglese e spagnolo.

La fase successiva è stata dedicata alla stesura del progetto, un secondo gruppo ha individuato tre punti principali: “chi siamo”, “perchè lo facciamo”e “cosa dicono di noi”. Dalla ricerca di informazioni sulla storia dell’ Istituto, a tutti i progetti che hanno rappresentato in passato la scuola stessa. Parallelamente alla stesura del progetto sono stati creati dei disegni dagli stessi alunni, immagini che rappresentassero “un prima e un dopo” degli spazi con e senza armadietti.

Durante queste fasi, gli alunni hanno scritto una lettera indirizzata ai potenziali stakeholders. Banche, attività commerciali, enti pubblici,a cui trasmettere un messaggio importante, la loro identità, la motivazione che li ha spinti a realizzare questo progetto, con l’obiettivo di creare quel tipo di sinergia tra imprese, cittadini e scuola di cui oggi sentiamo parlare.

Non poteva mancare la creazione di un video ad hoc che racchiudesse tutte le fasi di realizzazione e un breve cortometraggio in doppia lingua per spiegare il significato del progetto.

La scuola media “Ugo Betti” di Fermo, attualmente è stata trasferita a causa dei recenti eventi sismici presso il Polo Scolastico ma la comunità, fatta di alunni, famiglie, dirigenti e docenti, mantiene i propri valori, obiettivi e progettualità che contraddistinguono da sempre questa scuola nel territorio fermano.

Verrà presentato il giorno 19 Dicembre 2016 alle ore 11 presso i locali del Polo Scolastico dove è attualmente ubicata la Scuola e nei quali si terrà la CONFERENZA STAMPA per mostrare quanto realizzato dagli alunni. In particolare sono 5 le sezioni interessate al progetto,per un totale di centoquattordici ragazzi. Tale progetto ha lo scopo di raccogliere i fondi necessari per l’acquisto di armadietti utili per migliorare l’organizzazione scolastica. La conferenza vedrà la partecipazione della Dirigente dell’ I.C. “Ugo Betti” D.ssa Anna Maria Isidori, il sindaco di Fermo Avv. Paolo Calcinaro e il team di docenti che hanno curato tutto il lavoro svolto.

Durante la mattinata sarà possibile vedere un video, realizzato dai ragazzi, che sarà comunque riproposto nell’ incontro del pomeriggio delle ore 17.30, in cui il progetto verrà presentato ai genitori degli alunni della scuola.

“Armadietti perfetti per la scuola Ugo Betti” : piattaforma di finanziamento

Alcune foto degli incontri

image_4 image_2 image_6 image_7 image_9

 

fpf3

CORSO DI FORMAZIONE PER LA PROMOZIONE DEI TALENTI

Venerdì 16 dicembre 2016, alle ore 17.00, presso il Teatro Comunale di Porto San Giorgio, avrà luogo il Corso di formazione dal titolo “Ambienti di apprendimento e formazione di talenti. Per  lo sviluppo organizzativo di una comunità educante”.  Il Corso è organizzato dalla Rete di scuole che comprende l’IC “Ugo Betti” di Fermo (scuola capofila), l’IC “Nardi di Porto San Giorgio e l’IC  di Falerone. Gli Istituti, aderenti alla Rete, collaborano, in questo anno scolastico,  per l’attuazione di iniziative comuni, dislocate sui diversi territori, orientate alla formazione dei  docenti e alla creazione di laboratori di ricerca finalizzati all’apprendimento significativo. Relatore d’eccellenza è il prof. Umberto Margiotta, titolare della cattedra di Pedagogia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, impegnato nello  sviluppo di ricerche in Pedagogia Fondamentale, sulla formazione dei talenti, sulla progettazione formativa nei contesti di innovazione educativa,  sulla valutazione dei sistemi formativi. L’obiettivo dell’evento è la  promozione di una “scuola di qualità”, ovvero di una scuola che promuova talenti, fatta da insegnanti in grado di consolidare nell’allievo la capacità di orientare con successo le proprie abilità e di trasformare in esperti i propri talenti naturali. L’approccio per competenze  presuppone “ambienti di apprendimento” più attivi, più interattivi, più laboratoriali, in cui si assegna centralità all’allievo nelle sue varie dimensioni: cognitiva, metacognitiva, affettivo- relazionale. Fondamentale è aprire la scuola e stabilire rapporti con la realtà, sia curricolare che esterna alla scuola. L’evento è un’occasione di approfondimento culturale e di formazione per docenti, educatori e genitori affinché si costruiscano cornici di riferimento condivise e si dia corpo ad una progettualità comune che oltrepassi i confini della scuola e che accompagni gli alunni per tutta la vita.

Alcune foto dell’incontro

20161216_175231_001 20161216_173534 20161216_175411_001 20161216_184623 20161216_170947_001 20161216_191653

 

IMG_6260Convegno “LA CONOSCENZA IN AZIONE” – 9 settembre 2016

Grande partecipazione alla presentazione dei risultati della ricerca-azione sulle competenze nel primo ciclo di istruzione.
Un’ opportunità di confronto sulle esperienze realizzate e di riflessione sull’ impianto progettuale, didattico e valutativo per costruire ambienti di apprendimento orientati alle competenze.

Un’opportunità professionale per sviluppare e maturare cambiamenti “interni” individuali e collettivi, indispensabili per produrre compiti autentici nelle pratiche didattiche.

La documentazione della ricerca-azione può essere visionata in conoscenzainazione.pbworks.com

Alcune foto del convegno

14305395_1123207324438426_3168141122856347408_o 14242330_1123207461105079_221958336128695940_o14242479_1123207571105068_977632570387500880_o14241670_1123211854437973_4948389678072874326_o14311227_1123211134438045_6769214680440735636_o

 

         ANNO SCOLASTICO 2015/2016
IMG_5449Progetto teatrale: “QUANDO TUTTE LE CITTA’ DEL MONDO”
Spettacolo teatrale di fine anno organizzato dall’I.C. “Ugo Betti” di Fermo, nel pomeriggio di domenica 5 giugno, presso il Teatro dell’Aquila.
Progetto riconosciuto dall’UNESCO per il buon livello culturale della proposta.
Un coinvolgente ed interessante percorso didattico di teatro e musica nato per offrire ai ragazzi l’opportunità di costruire e interpretare un racconto-spettacolo corale.
Duecento alunni delle classi quinte delle scuole primarie Don Dino Mancini, Sapienza e Sant’Andrea e delle classi prime della scuola secondaria di I grado “Ugo Betti”, hanno ricreato sul palcoscenico l’atmosfera straordinariamente suggestiva evocata da alcune pagine delle “Città invisibili” di Italo Calvino. Il viaggio tra le città immaginate dai ragazzi, inafferrabili e utopiche, ha guidato lo spettatore in un percorso che, tra parola recitata e musica, ha sviluppato le tematiche del viaggio, del tempo e della felicità.
Le città immaginate dai ragazzi individuano i meccanismi inceppati, le zone d’ombra, la doppiezza del guardare che genera equivoci e malumori, la paura dello straniero che disumanizza: personaggi grotteschi e surreali, sindaci impazziti, tiranni del tempo e del lavoro, ci ricordano ancora una volta che la felicità è un valore e un diritto che non si realizza in solitudine, ma in una visione più ampia che ci vede sia cittadini delle città che abitiamo, sia cittadini del mondo. 
articolo2 premiazione ecoschools  Progetto ECO – SCHOOLS: “Una “Sapienza” ecologista: una scuola aperta per una città vista dai bambini”

La Commissione Marche di Eco schools, presieduta dal prof. Camillo Nardini, ha assegnato alla scuola il massimo del punteggio per il progetto dal titolo “Una “Sapienza” ecologista: una scuola aperta per una città vista dai bambini” (elaborato con il metodo della Ricerc-Azione del prof. Marconato sulla ricerca e l’esplorazione).

Un progetto di osservazione e ricerca sulle aree verdi, in particolare su quella del Girfalco, il parco è pulito e piacevole per la presenza di piante e giochi per bambini.  I giochi ci appartengono, rispettiamoli; gli alberi sono patrimonio di tutti proteggiamoli; il passato appartiene a tutti, tuteliamolo.

13308399_1053750201384139_7148294802712217212_o 13308526_1053749991384160_3606334963190595492_o 13308589_1053750094717483_9136605073126321104_o 13323630_1053749854717507_3816470650065315258_o

 

don

In occasione del quarto centenario della morte dello scrittore spagnolo Miguel de Cervantes l’Istituto Comprensivo “Ugo Betti” ha organizzato un incontro letterario per celebrare la figura e l’importanza in ambito culturale e sociale. Don Chisciotte è senza dubbio un romanzo che affascina milioni di lettori: parabola della condizione esistenziale dell’uomo che si misura con la forza dei propri ideali. L’incontro, svoltosi venerdì 22 aprile, a palazzo Azzolino, nella sala conferenze della Camera di Commercio, è stato coordinato dalla prof.ssa Maria Cristina Alberti e ha visto la partecipazione dell’assistente di Lingua spagnola Ruben Castaño Ramirez che ha approfondito alcuni aspetti che si riferiscono a Cervantes, quale ideale di uomo d’armi e di lettere, e della sua opera, gran teatro del mondo. La prof.ssa Lucia Felicetti ha preso in esame i numerosi vincoli che uniscono Miguel de Cervantes all’Italia. L’incontro si è concluso con la lettura in lingua spagnola di alcuni passi del Don Chisciotte a cura degli alunni della classe  II B della scuola secondaria “Ugo Betti”.

 

trailerProgetto di VIDEO PARTECIPATIVO

Un gruppo di alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di I grado “Ugo Betti”, sotto la guida di un educatore esperto in comunicazione partecipativa e cinema sociale, Luigi Coccia, ha realizzato un cortometraggio basato sull’ uso costruttivo e collettivo della tecnologia audiovisiva più comune e quotidiana.

Un’esperienza creativa e collettiva di narrazione della propria realtà generazionale. Un percorso educativo all’ utilizzo costruttivo e ragionato della tecnologia. Il cortometraggio parteciperà al Premio Giorgio Gaber – VII Edizione della Rassegna “Obiettivo Nuove Generazioni”.
Ecco il video del trailer del film realizzato dai ragazzi.

 

     ANNO SCOLASTICO 2014/2015
acqua mito e storia

Progetto ECO – SCHOOLS:  “L’ acqua tra mito e storia” 

Progetto finalizzato a valorizzare gli elementi culturali ed artistici della città, attraverso la realizzazione di questo audiovisivo viene  raccontata la nostra città con le fontane di acqua pubblica.

Alunni classi quinte – Primaria D.D.Mancini

 

(© video non disponibile per copyright)

11415476_854759764616518_7600226817320554149_o     11289418_854759894616505_5082608812581416653_o   IMG_4045

11393436_1444583729176078_3096954665146979372_o   11096432_1444583762509408_614849076859202700_o 11146609_1444491165852001_558492679912764503_o 11032589_1444583932509391_3718209433575399731_o

 

spaventapasseriMostra Fiabesca SPAVENTAPASSERI “Sentinelle della natura”

Performance degli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria “Mancini” che hanno interpretato con grazia e freschezza un balletto sulle note eseguite da quattro allievi del Conservatorio di Musica “Pergolesi”.

Gli splendidi spaventapasseri creazioni della scenografa Loredana Zampacavallo e realizzati con materiale di riciclo, rappresentano il magico collegamento tra il mondo contadino di lontana memoria e quello della fantasia popolato da “Fate, Follifiori e Musicanfolletti”.

SPAVENTAPASSERI – prima parte             SPAVENTAPASSERI – seconda parte

mostraProgetto didattico “Lungo la strada dorata”

Come fase conclusiva gli alunni della scuola dell’Infanzia Villa Vitali visitano la Mostra “Spaventapasseri” allestita dalla scenografa Loredana Zampacavallo e si divertono ad animare gioiosamente i racconti dell’artista con grande entusiasmo ed interesse.

torna alla HOME